L’ultimo articolo di Jesse Enkamp contiene delle indicazioni davvero interessanti riguardo dei principi universali per una catena cinetica di movimento corretta oltre che l’allenamento generale e specifico dei kata.

Queste indicazione provengono da un Sensei d’eccezione:

Sensei Inoue Yoshimi

Ma chi è Sensei Inoue Yoshimi???

La risposta la troviamo sempre in un altro articolo di Enkamp:

La saggezza di Inoue Yoshimi: Legendario coach della Squadra nazionale giapponese di Kata.”

leggi l’articolo originale: clicca qui

Soke Inoue Yoshimi (8 ° dan JKF) è nato nel 1946, nel piccolo villaggio costiero di Tottori, Giappone (che è sulla costa occidentale). Da ragazzo si dilettava in altri sport , come il Judo e il baseball, prima di conoscere il Karate, che ha imparato da solo, dopo aver comprato un libro all’età di quindici anni.

Dopo qualche tempo, è diventato l’atleta più abile della Tottori University Karate Club, e il Karate ha guadagnato più seguaci. Non appena Inoue sensei terminò il liceo si recò a Osaka a cercare il maestro che aveva scritto il sua amato libro.

L’insegnante era Teruo Hayashi , allievo diretto di Mabuni Kenwa (fondatore di Shito-ryu).

Teruo Hayashi fondatore dell’ Hayashi-ha Shito-ryu

Inoue chiese di essere suo allievo e dopo circa 6 mesi venne accettato come uchi-deshi (allievo interno che vive nel dojo).

Vi rimase per 4 anni, a mangiare, respirare, vivere di Karate.

Per farla breve, Inoue dovette tornare a Tottori, in quanto suo padre si ammalò. Svolse dei lavori giornalieri per sostenere la sua famiglia… e allo stesso tempo aprire il suo dojo.

Questa si rivelò una mossa mitica

Seguì presto il successo, e Inoue sensei divenne noto per la produzione di alcuni dei migliori specialisti di kata del Paese (anche se in principio fece un sacco di kumite), con praticamente tutta la squadra kata nazionale sotto di lui per molti anni, dando lezioni individuali a leggendari Karate-ka, come Ryoki Abe, Atsuko Wakai ei fratelli Hasegawa.

Che cosa lo rende così speciale? Sa qualcosa che noi non sappiamo?

Beh, ecco allora 42 consigli scaturiti dalla bocca di Sensei Inoue .

Se vuoi leggere l’articolo originale clicca qui:
Credetemi, dopo aver letto questo articolo…. il vostro karate non sarà più lo stesso:

“ 1. Aprite la bocca. Se la bocca è chiusa, la mascella si stringe, le spalle diventano rigide e le vostre tecniche saranno tese. Quindi aprite bocca. Ciò consentirà all’aria di fluire liberamente dai polmoni, rendendo le vostre tecniche rilassate, naturali e potenti.

2. Allenatevi meno. Migliorate di più. Anche se la specialità di Inoue è la formazione d’elite per le prestazioni di classe mondiale, si affretta a sottolineare che l’eccessivo allenamento nel Karate fa male alla salute. Due ore di lezione per tre giorni alla settimana sono la sua raccomandazione per un carico di allenamento ottimale.

3. Utilizzate la catena muscolare posteriore. Gli esseri umani hanno un grande cervello, giusto? Siamo intelligenti. Ma quando si tratta di combattere, siamo fisicamente più deboli di molti animali!Cani, gatti, formiche, cavalli, ratti … sono più forti, più agili, molto più veloci e atletici di quanto un essere umano potrà mai essere. Quindi cerchiamo di usare il nostro cervello per studiare gli animali: un cavallo ha gli addominali? No. Un cane ha enormi bicipiti e pettorali? No. Allora perché gli esseri umani esibizionisti perdono così tanto tempo nell’allenamento di questi muscoli “inutili”? Gli animali hanno forti catene muscolari posteriori (muscoli sulla schiena, femorali, glutei, tricipiti, dorsali, ecc.) Concentrarsi su quelli invece. Ecco da dove proviene il potere bestiale.

4. “Karate è sentimento al 99%.” Molte persone si allenano duramente, sudano e vanno a casa felici. E ‘fantastico! Ma, secondo sensei Inoue, non ottengono un miglioramento reale. Per migliorare è necessario utilizzare i sentimenti, lo spirito e l’immaginazione nel tuo esercizio. Il 99% del miglioramento lo si ottiene collegando il corpo con la mente. Sfruttare i vostri sensi!

5. Utilizzare i talloni. Ruotate sui talloni. Eseguite ogni step sui talloni. Tenete sempre il peso sui talloni. Ciò mantiene le spalle rilassate e le ginocchia sbloccate, il che consente, movimenti scattanti e veloci.

6. “Sorriso” Quando Inoue sensei vi vede tesi, non dice mai “relax”. Invece, dice “smile” – è un trucco psicologico per farvi rilassare. E ‘difficile essere tesi quando si sorridende! Inoltre, ci si allena meglio quando si è felici.

7. Fianchi paralleli al pavimento in ogni momento. Tranne che in rari casi in alcuni kata (Empi, Kururunfa). Perché? Perché è naturale. E’ come si cammina.

8. Quando si invecchiate, lavorate con la natura – non contro di essa Inoue ha 68 anni e pesa 58 chilogrammi.. Chiunque lo può batterlo a braccio di ferro. Ma quando si tratta di Karate, non è solo questione di dimensioni, di forza o di età. Più si invecchia, più è necessario applicare la saggezza, la tecnica, il sentimento e l’esperienza. Il tuo corpo si indebolisce quando si invecchia, ma altre abilità prendere il sopravvento. E ‘una progressione naturale. Non combattere la natura – approfittarne.

9. Immaginate che il vostro corpo sia una macchina. Il vostro centro, chiamato “tanden” in giapponese, è il motore. Le mani e i piedi sono solo le ruote. Il volante è nella tua testa.

10. Non sollevate il ginocchio per calciare. Questo è per i principianti. Invece, concentratevi sui i potenti muscoli dei vostri lombi.

11. Non rilassate le ginocchia quando vi muovete o ruotate. Questo è per i principianti. Invece, rilassate i fianchi. Immaginate di scardinare l’articolazione dell’anca, lasciando flettere le gambe dall’orbita dell’anca, ovvero: movimento/passo/rotazione. Questo è rapido, semplice e rilassante per le ginocchia (contrarre automaticamente i quadricipiti = diventare lenti).

12. Esistono due tipi di Karate:

# 1. Karate per le arti marziali e la difesa personale.

# 2. Karate per le competizioni.

Il modo migliore per migliorare entrambi è, concentrarsi su come usare il corpo in modo efficiente.Questo è ciò che eccita Inoue sensei. Non importa cosa fai, si possono sempre migliorare la meccanica e i principi dell’efficacia del movimento corporeo.

13. Durante l’esecuzione di tecniche doppie (con entrambe le mani), non torcete i fianchi.Questi agiscono come una molla o un’onda. E’ il modo per generare energia utilizzando entrambe le mani simultaneamente.

14. La spalla deve essere sempre davanti al petto. Non parallelo ad esso. Lo stesso vale per il braccio che fa l’Hikite!

15. Utilizzate strumenti di impatto in caso di dubbio tecnico. Se vi state chiedendo quale sia il modo più efficace per eseguire una tecnica (cioè come muovere le gambe con le braccia), utilizzate un sacco da boxe o un makiwara oppure calciate un pad e sperimentate. Quale delle due è più potente? Provate. Abbiamo confrontato famosi kata da gara come Anan, Heiku e Paiku, e discusso di come alcuni maestri di Okinawa insegnino salti, saltelli e battiti di piede in questi kata – allora abbiamo provato diverse varianti di queste tecniche contro un sacco da boxe. Trovate il modo più efficace e utilizzatelo.

16. Perché facciamo un passo in avanti parando in molti kata? Se si considera l’applicazione pratica (bunkai), è piuttosto stupido contrapporre forza con forza, giusto? Ebbene, il segreto è che la “tecnica preparatoria” di una parata è in realtà la parata reale. Questa apre la strada per eseguire un passo in avanti con quella che sembra una parata – ma potrebbe essere in realtà un attacco, un portar giù o una manipolazione articolare.

17. La Profondità sopra l’ampiezza. Tuffatevi nel mistero dettagliato del micro per capire il macro. Migliorare una piccola cosa migliorerà molte cose.

18. In zenkutsu dachi (posizione frontale), il peso dovrebbe essere sulla gamba posteriore – non su quella anteriore La gamba posteriore dovrebbe essere come il bambù. Forte ma flessibile. (Non rigida come un bastone). Rilassare la gamba anteriore. Agisce solo come supporto. La gamba dietro controlla il gesto e la potenza.

19. Per fare grandi tecniche di braccio, dimenticate le vostre braccia. Concentrarvi sul vostro centro. Basta frustare il vostro centro. Scherzi a parte. Non preoccupatevi delle braccia. Ignoratele. Pensate al vostro centro, invece, e le braccia saranno fatte volare fuori automagicamente. E ‘ solo questione di far partire un colpo di frusta .

20. Rilassate i muscoli pettorali. Se quando si sferra un pugno i muscoli del petto sono tesi, le ossa si incollano bloccandosi fra loro. Si rafforza il collegamento fra spalla e braccio, e questo rende impossibile ottenere tecniche rilassate e scattanti. Saltate la giornata del petto in palestra fratelli. Rilassate i pettorali. Lasciatevi fluire liberamente.

21. Non importa quale sia il tuo stile di Karate. Finché si dispone di una testa, due gambe e due braccia, la meccanica del corpo umano e i principi universali per un movimento corporeo efficiente sono gli stessi in tutti gli stili.

22. Se avete difficoltà con l’equilibrio, dimenticate l’equilibrio. Concentratevi sulla velocità, piuttosto. Velocità, velocità, velocità! Più veloce, più veloce, più veloce! Il tuo corpo è più intelligente di quanto pensi, e istintivamente mantiene l’equilibrato nei movimenti più impegnativi. Ma non se continuate a pensarci. Quindi concentratevi sulla velocità. L’equilibrio si prenderà cura di se stesso.

23. 90/10 distribuzione del peso in neko ashi dachi (posizione del gatto). Peso sul tallone. Dovreste essere in grado di sollevare la gamba anteriore. Piede posteriore con angolo di 30 gradi.

24. Sempre chiedere (come e perché). Quando Soke Inoue era giovane, non venne mai permesso di mettere in discussione nulla nel dojo. Oggi, incoraggia gli studenti ad interrogarlo, in ogni occasione. Il segreto per rimanere motivati, lui crede, è quello di porre continuamente domande. In particolare – come e perché. Se non si sa, non si migliora!

25. 0,2 secondi. Ecco quanto velocemente le tecniche dovrebbero essere tirate. Si tratta di un battito di ciglia. 0,3 secondi se sei un lampeggiante lento.

26. Va bene imparare kata/esempi /indicazioni da un video. Ma solo un sensei può insegnarvicome eseguirlo.

27. “Nel mio dojo, iniziamo la pratica alle 9 del mattino e finiamo alle 11 di sera. A volte ci dimentichiamo di mangiare. “(Aspetta … Aspetta. Si dimentica COSA?)

28. La gente pensa che un kata sia un insieme di pose, cioè A, B, C, D. Ma questo è sbagliato. Kata non è A, B, C o D – è come si arriva da A a B a C a D Quindi,. Un buon sensei, coach o arbitro deve sempre ricercare il movimento tra le tecniche, e non solo la posa finale. Questo è ciò che separa un buon kata da un cattivo kata.

29. Espandere. Non contraete o spremete le vostre tecniche. Stranamente, questo è ciò che molte persone fanno e chiamano “kime”. Ma secondo Inoue, si dovrebbe fare l’esatto contrario. Immaginate di calciare un pallone. Non lo farete irrigidendovi al momento al momento dell’impatto, vero? Certo che no. La palla non volerebbe da nessuna parte. Lo stesso vale per una palla da baseball o una pallina da golf. Alla fine del vostro movimento, vi espandete per far volare la palla, giusto? Quindi, fate lo stesso con le tecniche di Karate. Al posto di contrarsi verso il basso tendendo il corpo al momento dell’impatto, espandete il vostro movimento e lasciatelo andare. Nessuna contrazione. Solamente espansione.

30. Quando eseguite calci laterali (yoko geri), modellate il vostro piede come un calcio frontale (mae geri). Tutte le dita dei piedi devono essere piegate, e il punto d’impatto non dovrebbe essere il taglio del piede, ma il lato esterno del tallone .

31. Quando si eseguono passi / scivolamenti e pugni, fermatevi un millisecondo prima di tirare il pugno. Ciò consentirà alla vostra energia di movimento di trasferirsi al vostro braccio. Immaginate di guidare una macchina e schiantarvi: l’auto si ferma di colpo (il corpo), ma il passeggero continua a volare fuori dal parabrezza (il braccio). Quindi non puoi tirare un pugno nello stesso momento in cui ti sposti. Ma non colpire troppo tardi. Questo “timing” (questa tempistica) è super importante e molto difficile.

32. In realtà esistono tre punti di snodo. Il tallone, centro della pianta del piede e l’avampiede. Quale parte si dovrebbe usare? Per lo più il tallone (vedi punto 5).

33. Quando ci si sposta in avanti dalla posizione del gatto (neko ashi dachi), ruotare il centro della pianta del piede. Non il tallone. Non le dita dei piedi. Ma il centro del piede. Questo è il modo corretto per muoversi da neko ashi dachi. (E’ curioso come dovremo spiegare due volte queste cose, come se fossero atterrati gli alieni.)

34. Il principio di una sola gamba. Avete mai utilizzato entrambe le gambe allo stesso modo? Una gamba è sempre la “gamba dominante”. Se riuscirete a capire quale gamba è la gamba dominante in ogni tecnica, potrete aumentare immediatamente la vostra potenza. Questo è impressionante. Ad esempio, se si effettua una parata bassa a destra (gedan uke / barai) in una posizione Shiko dachi / Kiba, la gamba sinistra è la gamba dominante. Ecco dove dovrebbe essere tutta la tua forza. La gamba destra dovrebbe  fungere solo da supporto.

35. Le posizioni sono difficili per gli occidentali, perché le loro gambe sono più lunghe. Ecco perché kata sono più facili per i giapponesi. Ma il kumite è più facile per gli occidentali, perché “i giapponesi non possono calciare così in alto”.

36. Scapole rilassate = tecniche scattanti. La tua scapola è la base del braccio, e deve essere sciolta. Se avete spalle rigide, Inoue sensei raccomanda di fare esercizi per la mobilità delle spalle e della schiena, non solo frontali/alti/laterali.

37. Le arti marziali supportano la gravità. Le due cose vanno d’accordo. Per muovervi più velocemente, collaborate con la gravità. Lasciate che vi attiri letteralmente al suolo in ogni posizione.

38. Quando ruotate , scendete di 4-5 cm. Quando il vostro corpo cade, giratevi e stabilizzatevi nella posizione successiva. E’ tutta una questione bloccare e sbloccare rapidamente le articolazioni.

39. Percezione lenta? Colpa tua sensei. Se un sensei conta con una voce zoppa (“ichi, ni, san …”),sarà difficile che eseguiate le vostre tecniche migliori. Un sensei dovrebbe contare con grande passione(“ICHI, NI, SAN!”), Al fine di ispirare e incoraggiare tutti a dare del loro meglio. Casualmente, Luca Valdesi , una volta mi ha detto la stessa cosa.

40. Principianti pugno con la mano. Esperti pugno con la scapola. Maestri pugno con il cuore.

41. Potete consolarvi con delle giustificazioni, oppure potete fare progressi. Non potete fare entrambe le cose.

42. Apri la bocca. Ancora.”

Fine???

Direi di no.

Ecco alcuni video nella rete dove Sensei Inoue spiega meglio alcuni dei punti esposti sopra:

https://www.youtube.com/watch?v=nZaqKlpdzwg IN ITALIANO!

https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=-i6CUzGEoeg

https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=OET5JRXJ_wo

https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=SRRrKPZTDvc

https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=OgmdRWbS1KU

Ok, potete chiudere la bocca adesso.

Scritto in lingua originale da Jesse Enkamp

Commenti di Marco Micucci.

Il karate come non lo avevi mai visto prima


0 commenti

Lascia un commento